One will survive Italian winter: ESL Championship Finals [ENG/ITA]

It’s almost Christmas time, but neither 25th nor 31st are the days that Italian esports followers are waiting for. The true moments that both players and fans are longing for are 16th and 17th of December: the Torino Xmas Comics days. The third Italian championship, ESL Italia Championship, will come to an end in this city after a 2-months long adventure. The playoffs will see on stage four absolutely determined teams vying for the prize: the veterans from Team Forge, the historic rivals of OutPlayed WaR, the newcomers InFerno Esports and the promising Qlash Academy. Only one of these will start 2018 boasting the title which is not really the last of Season 7 but more like the first of Season 8.

Improvise. Adapt. Overcome.

ESL Italia Championship has been a truly interesting competition and that was mainly because of his time setting: during October and November all the League of Legends preseason changes get usually released. Every year, just after the end of the World Championship, Riot exploits this period to enact the heaviest changes to the game system without fear of impacting the competitive scenario. This gave us insight on how the Italian teams adapted to the new sudden changes, mainly the Runes Reforged, and what were the attempts to find a new meta that would favour them during the competition.

Not only that: autumn is usually when the transfer period takes place. Teams try to bounce back by trying to solve last year’s problems or giving the chance to new players to get some experience. And that’s exactly what happened in the Italian panorama as well: even OutPlayed, renowned for keeping the same team for a whole year, experimented the addition of veterans, Qlash paved the way for a new midlaner, young yet promising, and Forge meddled with their roster so many times that they even ended up with Click roleswapping from jungler to midlaner.

In the light of these two factors we can make important deductions on the scene as a whole: despite the meta wildly changing and the players going in and out, the ability to adapt plus an expert coaching staff are what make these four teams special and resilient, granting them the access to playoffs.

New or old? Wind and Rain ITA(Outpleyed) vs InFerno

The first semifinal will have OutPlayed WaR clashing with InFerno Esports. As I mentioned before, the first team put their hands on the three famous veterans coming out of the old NextGaming roster (DrMatt, Belze and Brizz) along with the ADC Riccarlino. Ryko will split his time in the toplane with Belze, while star jungler Shadow will keep his place. Needless to say that the team has high aims and on paper they have all what’s needed to achieve them: individual skill, strategic ability and more than everything a stunning amount of experience. Despite the core of the past NextGaming team, the communication with jungler Shadow still has to be worked on and sometimes laners tend to play too much aggressively without the needed vision. Even with this little flaw, the team is undoubtedly the favourite to take home the title, together with veterans of Team Forge.

On the other side we have a returning InFerno, after years of absence from national competition, with a young but definitely ambitious team that managed to surprise the Italian scenario by snatching the last playoff spot from the long-tenured boys of iDomina just at the last day of regular season. Players have shown a great deal of mechanical skill, but inexperience and some swaps in the support role have clearly impacted their synergy. Nothing to be ashamed of anyway: getting to playoffs during their first national competition isn’t to be laughed at and their skillcap is indeed high. No famous or veteran player, but keep an eye on jungler Luque and midlaner Phantomles: their great individual skill could bring them to bloom in a fearsome duo.

Experimentations: Forge vs Qlash Academy

The second semifinal will have the undisputed champions from Team Forge trying to defend their title from the revamped Qlash Academy. Click roleswapping to mid has certainly impacted the potential of this team, and we shouldn’t forget about their rookie ADC End. Despite this new setting requiring some time to get properly developed, Forge didn’t seem to be bothered with lesser opponents.

But let’s not underestimate Qlash: new powerups from NextGaming’s jungler Demon, Forge’s ADC Creon and the new midlaner Chosii make this team one that should be feared. Together with InFerno, Qlash are the most improved team throughout the competition, and ESL Finals could be the right chance to pick up the results of their hard work.

Will the undisputed favourites of OutPlayed WaR and Team Forge face each other in the Finals? Or can InFerno and Qlash put up a fight and flip the competition? One thing is for sure: this weekend will bring us great emotions.


È quasi Natale ormai, ma né il 25 né il 31 dicembre sono le date che i fan di esport italiano aspettano quest’anno. I veri giorni che sia tifosi che giocatori stanno aspettano sono il 16 e il 17 dicembre: i giorni del Torino Xmas Comics. Il terzo campionato italiano, ESL Italia Championship, conclude qui l’avventura durata due mesi; le finali vedranno contendersi il titolo quattro squadre molto determinate: i veterani del Team Forge, gli storici rivali degli OutPlayed WaR, i nuovi arrivati InFerno Esports e i promettenti Qlash Academy. Solo uno di questi quattro team potrà iniziare il 2018 fregiandosi di un titolo che non è l’ultimo della Stagione 7, ma il primo della Stagione 8.

Improvvisa. Adatta. Supera.

Il motivo per cui il campionato ESL Italia è stato un campionato interessante è dato dal particolare collocamento temporale: tra ottobre e novembre infatti entrano in vigore tutti i cambi del periodo pre-stagione di League of Legends. Tutti gli anni, subito dopo la fine dei Worlds, la Riot ne approfitta per attuare i cambi più drastici al sistema di gioco in modo da non intaccare pesantemente la scena competitiva. Questo ci ha dato modo di osservare come le squadre italiane si sono adattate ai nuovi repentini cambi, principalmente quello delle rune, e di vedere quali sono stati i tentativi di trovare un nuovo meta che li favorisse all’interno della competizione.

Non solo: il periodo autunnale è tradizionalmente riservato alla finestra di mercato. Le squadre colgono l’occasione per rimettersi in gioco, cercando di risolvere i problemi emersi durante i campionati precedenti o lasciando opportunità a nuovi giocatori. Ed ecco dunque che persino gli OutPlayed, noti per aver mantenuto la stessa rosa per l’intero anno passato, hanno sperimentato l’innesto di veterani della scena, i Qlash hanno visto l’ingresso di un mid giovane ma molto promettente e i Forge hanno cambiato rosa numerose volte in cerca di stabilità, addirittura vedendo Click passare da jungler a midlaner.

A partire da questi due fattori possiamo fare un’importante deduzione sulla scena competitiva: nonostante il meta o i giocatori possano cambiare freneticamente, la capacità di adattarsi rapidamente e uno staff di allenatori preparati sono quello che rende speciali le squadre che sono riuscite a conquistare l’accesso ai playoff.

Vecchi o nuovi? Wind and Rain ITA (OutPlayed) vs InFerno

La prima semifinale vedrà affrontarsi OutPlayed WaR e InFerno Esports. Come già detto, i primi hanno incorporato tre veterani della storica rosa dei NextGaming (DrMatt, Belze e Brizz) insieme all’ADC Riccarlino. Ryko dividerà il suo tempo in toplane con Belze, mentre in jungle vedremo sempre Shadow, giocatore rivelazione dello scorso anno. Inutile dire che questa squadra punta in alto e sulla carta hanno tutto il necessario per riuscirci: abilità individuale, capacità strategica e soprattutto tantissima esperienza. Nonostante il nucleo dei vecchi NextGaming sia la forza portante di questa squadra, la comunicazione con il jungler Shadow è ancora da affinare e talvolta i giocatori si mostrano troppo aggressivi in assenza di visione. Nonostante questo la squadra è assolutamente la favorita, insieme ai veterani dei Forge.

Dall’altro lato abbiamo gli InFerno ritornare dopo anni di assenza dalla competizione nazionale, con una squadra giovane ma indubbiamente ambiziosa e promettente che è riuscita a sorprendere il panorama italiano scalzando gli iDomina dal quarto posto all’ultima giornata. I giocatori hanno mostrato grandi abilità meccaniche, ma l’inesperienza e i vari cambi nel ruolo di support hanno chiaramente messo la squadra in difficoltà. Nulla di cui vergognarsi: qualificarsi ai playoff del loro primo torneo nazionale non è affatto roba da poco e da qui possono solo migliorare. Nessun giocatore famoso o veterano, ma assolutamente da tenere d’occhio la coppia Luque/Phantomles: la loro grande abilità meccanica potrà vederli fiorire in un duo jungle/mid di tutto rispetto.

Sperimentatori: Forge vs Qlash Academy 

Nell’altro ramo troviamo invece i campioni assoluti Forge che dovranno superare gli agguerritissimi Qlash Academy. Il passaggio di Click da jungler a mid ha certamente intaccato le potenzialità di questa squadra, e non bisogna sottovalutare l’impatto dell’ingresso di End nel ruolo di ADC. Nonostante queste novità richiedano tempo per essere sviluppate a dovere, i Forge non hanno avuto problemi nello spazzare via la concorrenza come al solito.

Ma non bisogna assolutamente sottovalutare i Qlash: i nuovi innesti di Demon, jungler veterano dai NextGaming, Chosii e Creon, uscente proprio dai Forge, rendono la squadra assolutamente temibile. Inoltre insieme agli InFerno sono la squadra che più è cresciuta all’interno di questo torneo, e i playoff ESL potrebbero essere il momento giusto per raccogliere i frutti del loro impegno.

Saranno gli indubbiamente favoriti OutPlayed WaR e Forge a contendersi la finale? Oppure InFerno e Qlash riusciranno a cambiare le carte in tavola? Una cosa è sicura: sarà un weekend di grandi emozioni per tutti i presenti.

Related Posts
Recent Tweets
Newsletter